Cosa Vi Siete Persi?

lunedì 7 settembre 2009

Ancora buffet... Angelica!

Ancora qualche ricetta del buffet, stavolta tocca all'Angelica sia nella versione dolce che salata.
Entrambe le ricette le ho prese dal web e riporto i link ai loro legittimi proprietari.
Inoltre vi ricordo il sondaggio a lato, se vi va di rispondere mi farebbe davvero molto piacere.

Per l'Angelica salata ho seguito la ricetta di Fedeginia di Giboncook.

Angelica Salata

  • Per il lievitino
130 g farina
14 g lievito di birra
60 g acqua
1 cucchiaino di zucchero
  • Impasto
400 g farina
3-4 cucchiai di formaggio grattato
120 g latte
120 g burro
1 cucchiaino di sale
1 uovo e 1 tuorlo
  • Per lucidare
1 uovo sbattuto con il latte
  • Ripeno
burro fuso
a scelta si può riempire con speck e cipolla, prosciutto cotto olive e formaggio, salame e ricotta (io ho usato proscitto cotto e scamorza)

Preparare il lievitino mescolando gli ingredienti indicati.
Mettere a lievitare per circa 30 minuti.

Preparare l'impasto e aggiungere il lievitino.
Impastare molto bene, lasciarlo lievitare per circa un'ora.
Stendere la pasta in un rettangolo alto circa 3-4 mm.
Spennellare con il burro fuso e riempire con il ripieno scelto.
Arrotolare stretto e tagliare a metà per il lungo. Aprire bene le due metà del rotolo ed intrecciarle formando una ciambella.
Lasciare lievitare per un'ora quindi spennellare con luovo sbattuto ed infornare a 180° per 30-40 minuti.

Per quella dolce invece ho seguito la ricetta di Fata Turchina de Le Fate in Cucina.
Ho sostituito il ripieno con burro e gocce di cioccolato e poi non ho usato i due tipi di glassa che trovate nmella ricetta.
Io vi metto quella originale con tra parentesi le mie modifiche.

Angelica Dolce

  • Lievitino:
135 g farina forte (manitoba), 15 g lievito di birra, 75 g acqua.
  • Impasto:
400 g farina forte,
75 g zucchero,
120 g latte tiepido,
3 tuorli d'uovo,
un cucchiaino di sale,
120 g burro morbido.
  • Farcitura:
100 gr uva sultanina,
100 gr mandorle,
100 gr di pinoli,
100 gr di noci,
50 g burro fuso
(Io ho usato semplicemente burro e gocce di cioccolato)
  • Glassa velante:
4 cucchiai di zucchero al velo,
un albume oppure (ho saltato il passaggio)
  • Glassa coprente:
150 g zucchero al velo,
un albume
p.s. ho provato a mettere le gocce di cioccolato ma secondo me copre il gusto di questa meraviglioso tipo di pasta (ho saltato il passaggio, ho usato solo lo zucchero a velo per cospargere).

Impastare tutti gli ingredienti del lievitino, e lasciare lievitare per 30 minuti.
Io impasto sempre nella macchina del pane con programma n° 7 impasto (uso la clatronic, non ho la macchina del pane).

Nel cestello della mdp (macchina del pane) mettere la farina setacciata, versare il latte tiepido, i tuorli e lo zucchero; aggiungere il sale, incorporare il burro ed infine aggiungere il lievitino. Lavorare bene l’impasto finché si stacca dalle pareti del cestello e quindi mettere a lievitare in una ciotola unta di burro per un paio d’ore finché il volume sarà raddoppiato.

Intanto, dopo averla messo a bagno, scolare ed asciugare l’uvetta e preparare tutti gli altri ingredienti: le mandorle e le noci tritate (ho salatato completamente il pasaggio).

Versare l’impasto sulla spianatoia infarinata e, senza lavorarlo, stendere una sfoglia di 2-3 cm di spessore e fare un bel rettangolo (io uso le mani per stendere la sfoglia) (anch'io :D).
Spennellarla con il burro fuso e cospargerla con l’uvetta e tutto ciò che avete preparato (ho spennellato con burro fuso e cosparso con abbondanti gocce di cioccolato).
Arrotolare la sfoglia formando un salame e, con un coltello unto di burro, tagliare il rotolo in due nel verso della lunghezza.
Rivoltare le due parti con il taglio verso l’alto e intrecciarle lasciando la parte tagliata il più possibile all’esterno e formare un anello.
Mettere l’anello su una teglia coperta di carta forno e far lievitare ancora per un’oretta.

Infornare a 200° C e cuocere per 20-25 minuti.

Intanto preparare la glassa stemperando lo zucchero con l’albume d’uovo.
A seconda dei gusti si può realizzare una glassa più o meno coprente seguendo le dosi indicate. Appena l’angelica è cotta spennellarla con la glassa e lasciare asciugare (si può accelerare l’asciugatura ponendola per 30 secondi in forno).

Quel che ho fatto io: Alla termine della cottura l'ho lasciata raffeddare completamente e poi ho cosparso di abbondante zucchero a velo e servita.

Le foto che vedete è di quel che resta delle due Angeliche, che dite: saranno piaciute :-P?

42 commenti :

  1. L'angelica è un dolce che non ha bisogno di decorazioni, sembra un dolce da colazione , invece si adatta benissimo anche dopo una cena; insomma buona sempre quella salata non l'ho mai fatta, è ora di provarla, il tuo ripieno mi stuzzica molto....
    Grazie per le congratulazioni, una nuova creatura è un miracolo!!

    RispondiElimina
  2. omamma, sto per morire... mannaggia a me e alla mia dieta!

    RispondiElimina
  3. Che fame a quest'ora entrambi appetitosi!

    RispondiElimina
  4. quanto sono deliziose,non ho mai fatto l'angelica in nessuna versione,quindi bisogna che mi do da fare,grazie x le ricette!all sondaggio ho risposto anche io,baci!!

    RispondiElimina
  5. Buone tutte e due le versioni, io prendo una fettina della versione dolce.
    Ciao Daniela.

    RispondiElimina
  6. Versione dolce decisamente...sarà che sono una ghiottona!!!!!
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  7. Buonissima...lo sai che non l'ho mai fatta?!!da provare!!

    bravissima

    RispondiElimina
  8. ma lo sai che è tanto tempo che voglio provare l'angelica e ancora non l'ho fatto? le tue sono venute bellissime e sono pienamente d'accordo con te per la versione dolce, le tue modifiche mi piacciono, se la provo ( e lo farò) seguirò la tua versione;) bravissima
    Baci
    Fiorella

    RispondiElimina
  9. Angelica???! considerando che avevo deciso di dare un occhio alla bilancia giusto da oggi, più che altro questa meraviglia mi sembra una po' DIABOLICA...!
    Ma ti sei messa daccordo con la mia bilancia...???
    Brava, ancora brava, Betty!

    RispondiElimina
  10. Cara Betty questa ricetta soddisfa un pò tutti , sia coloro che amano il dolce che quelli che amano il salato.
    Ottima ricetta Baci :-)

    RispondiElimina
  11. Non ho mai provato a fare l'angelica; i con i lievitati non ho pazienza!!!
    Dovrò proprio passare a prendere lezioni da te visti gli ottimi risultati!

    RispondiElimina
  12. Che belle! Le Angeliche sono stra famose e io non le ho mai provate, è incredibile, ma cosa aspetto?! Ho votato per il tuo sondaggio sulla sezione cucina del quotidiano on-line: ricetta con foto e cenni o approfondimenti riguardanti l'immenso mondo della cucina. Sono una a cui piace approfondire, eh eh! Baci!

    RispondiElimina
  13. betty ma sei una tentazione con queste due angeliche, sono straordinarie sia nella versione salata che quella dolce un bacio

    RispondiElimina
  14. Favolose entrambe, anche se i lievitati non sono il mio forte, voglio provarci!!Bravissima, baci Manu.

    RispondiElimina
  15. Questa ricetta è un ragazzo con molto buona! Piaceva troppo! Bacio

    RispondiElimina
  16. Non ho mai fatto l'angelica, in nessuna versione...credo sia giunto il momento, rinfrescano le giornate ed il forno ritorna "amico". Un abbraccio!!

    RispondiElimina
  17. Buonissime entrambe le versione, è da un bel pò che non faccio l'angelica!! un bacione

    RispondiElimina
  18. Ma che bontà entrambe!!!! baci .-))) e buon inizio settimana..

    RispondiElimina
  19. mammamammammamamama quante torteeeeeeeeeeeeeeee

    RispondiElimina
  20. Sai che non l'ho mai fatta! Due versioni tra cui non saprei proprio scegliere! Allora assaggio un pezzetto di tutte e due eh!
    Bacioni

    RispondiElimina
  21. ciao Betty!!!
    deliziose le due versioni dell'angelica, una più buona dell'altra!!!
    baciiiii

    RispondiElimina
  22. Cara se passi da me c'è un premio per te ,baci

    ciao army

    RispondiElimina
  23. Squisite entrambe!! però... emh..io mi butto su quella dolce!!! bacioni

    RispondiElimina
  24. Che meraviglia! E tu sei stata bravissima, addirittura la versione dolce e quella salata! Baci Giovanna

    RispondiElimina
  25. che tentazione betty nn saprei se buttarmi sul dolce o sul salato...be assaggio entrambi:-)
    baiconi imma

    RispondiElimina
  26. tz!..."angelica"...tz! tz!
    Queste di "angelica" hanno poco...sono piuttosto DIABOLICHE! aaHHHH mi fanno cadere in tentazioneeee...maledette maledette!!!

    vabbè chissene frega...se me ne dai una teglia intera me ne vado volentieri all'inferno :p

    RispondiElimina
  27. sono fantastiche!!! bravissima come sempre!!

    RispondiElimina
  28. mamma che buone..voglio una fetta ciascuno e al prossimo buffet ci sarò anch'io!! :)

    RispondiElimina
  29. Complimenti per il tuo Blog..
    Ti andrebbe di fare uno scambio di link con il mio: www.francescogreco.splinder.com ?

    Fammi sapere e
    Grazie mille!
    Ciao
    Francesco
    Il Blog | Attualità | Psicologia

    RispondiElimina
  30. Entrambe deliziose e belle da vedere! ok prima la salata e poi la dolce e assaggiamo entrambe!
    baci baci

    RispondiElimina
  31. Certo che saranno piaciute, non c'è dubbio!

    RispondiElimina
  32. Molto interessanti tutte e due le versioni, ma io preferisco di gran lunga quella salata.
    ciao e buona serata

    RispondiElimina
  33. sono uno spettacolo amica,sia quella dolce..meravigliosa,che quella salata,che devo provare di certo!!!

    RispondiElimina
  34. Ho provato solo la versione salata,questa versione dolce è una vera tentazione :))

    RispondiElimina
  35. ma sai che non ho mai fatto un'angelica in vita mia??? però mi piace tanto mangiarle!

    RispondiElimina
  36. l'angelica dolce l'ho fatta giusto oggi! la pubblicherò prossimamente... per intanto: complimenti per le tue bellissime creazioni!

    RispondiElimina
  37. da provare entrambe!! sei bravissima!! baci e buona notte!!!

    RispondiElimina
  38. Yummmm... This looks really yummy!

    RispondiElimina
  39. che bella ricettona!!!!ho partecipato al sondaggio...c'è qlsa che bolle in pentola???ciao ciao

    RispondiElimina
  40. già solo dalla foto quella dolce è da togliere il fiato

    RispondiElimina
  41. bellissime da vedere e da mangiare...io non le ho ancora provate...bacini ^_^

    RispondiElimina
  42. Vorrei solo aggiungere che la ricetta originale dell'Angelica la trovate sul primo libro delle sorelle Simili "Pane e Roba dolce". Ciao. paola

    RispondiElimina

Grazie per il vostro commento.
Se hai un dubbio, un quesito e attendi una risposta... "Iscriviti per email"