Cosa Vi Siete Persi?

lunedì 23 aprile 2012

I Cantucci e Un Comunicato Stampa (Oleifici Mataluni)

Buon lunedì!
Passato un buon fine settimana amici?
Oggi vi lascio una ricetta sgranocchiosa: i Cantucci!

I Cantucci


500 gr farina 00 
280 gr zucchero semolato 
4 uova  intere medie + 1 tuorlo
100 gr burro
4 grammi  lievito per dolci
250 gr mandorle non spellate
un pizzico sale
1 uovo piccolo per spennellare
Come prima cosa accendete il forno a 190° e quando avrà raggiunto la temperatura fatevi tostare le mandorle ben disposte su una placca per 3-4 minuti; toglietele poi dal forno e fatele freddare.
Poi procedete a formare l'impasto per i cantucci: ponete le 4 uova intere e un tuorlo nella planetaria  (o in una capiente ciotola) e aggiungete il pizzico di sale e lo zucchero semolato.
Montate molto bene fino a ottenere un composto gonfio e spumoso.
Aggiungete ora il burro fuso e tiepido e mescolate; incorporate la farina setacciata con il lievito e amalgamate bene tutti gli ingredienti.
Una volta ottenuto un composto bricioloso e morbido, aggiungete le mandorle ora raffreddate, trasferite il composto su una spianatoia infarinata e compattatelo a mano per ottenere una palla uniforme.
Suddividete questo impasto in due o tre palle della stessa dimensione (dipende da quanto volete grandi i vostri cantucci, con due filoncini otterrete dei biscotti più grandi, ricavando tre filoncini invece saranno più piccoli) e da queste ricavate due o tre filoncini lunghi all'incirca 30cm; trasferite i filoncini su una placca da forno coperta con carta forno, spennellateli con l'uovo intero leggermente sbattuto e fate cuocere per 20 minuti in forno caldo a 190°.
Trascorso questo tempo estraete i filoncini, fateli raffreddare qualche minuto e procedete a tagliarli in diagonale per ricavare dei biscotti (cantucci) di circa 1-1,5 cm.
Disponete i biscotti ottenuti di nuovo sulla placca e fate "biscottare" in forno a 170° per circa 10-15 minuti.
Estraete i cantucci ottenuti e aspettate che siano ben freddi per gustarli.

E qual'è la "morte loro" per eccellenza???
Ma col Vin Santo, ovviamente!

Buona settimana.
Baci.

---------------------------------------------



COMUNICATO STAMPA OLEIFICI MATALUNI 


RECRUITING ONLINE, LA FILIERA DEL LAVORO NASCE SU FACEBOOK
A scuola di social network per favorire l’inserimento di giovani talenti negli Oleifici Mataluni

Più social e meno curricula per l’inserimento dei giovani negli Oleifici Mataluni, il complesso agroindustriale oleario di Montesarchio (BN) che raggruppa 23 storiche etichette italiane.
Gli Oleifici Mataluni hanno aderito al progetto “Io merito un’opportunità”, ideato dal gruppo giovani imprenditori di Confindustria Benevento, in collaborazione con la Facoltà di Scienze Economiche e Aziendali dell’Università degli Studi del Sannio, e dedicato al Social Media Marketing.
L’obiettivo è proprio quello di istituzionalizzare il rapporto tra mondo dell’istruzione e mondo economico, finalizzato a creare opportunità concrete di lavoro e a formare nuove professionalità nell’era dei social network. Gli iscritti al corso di Social Media Marketing, infatti, avranno la possibilità di svolgere un tirocinio nelle aziende che partecipano al progetto e di specializzarsi nel web 2.0, creando ed ottimizzando le pagine ufficiali presenti su Facebook, YouTube, Twitter e LinkedIn.
Inoltre, grazie al supporto dell’agenzia interinale Adecco - che conta circa 20mila iscritti in tutta la provincia di Benevento e che negli ultimi 10 anni ha avviato al lavoro oltre 5000 candidati - gli studenti sanniti svilupperanno una nuova applicazione dedicata al recruiting online, attraverso l’invio di video curriculum e contenuti multimediali che i candidati potranno postare direttamente sui social network per entrare in contatto con le aziende e proporre se stessi.
Una vera e propria filiera interattiva, dunque, in grado di potenziare gli strumenti di comunicazione aziendale e selezionare - direttamente sul web - i talenti del territorio più meritevoli. Una nuova frontiera per gli Oleifici Mataluni, dunque, che lasciano definitivamente nel cassetto il comune ed obsoleto curriculum per sfruttare le potenzialità della rete ed il placement dell’università. 
“Abbiamo appena lanciato due nuove pagine facebook dedicate ai nostri prodotti - spiega Antonello De Nicola, Responsabile Marketing e Comunicazione Oleifici Mataluni - e stiamo sviluppando il nuovo portale collegato al canale YouTube e al blog, che ospiterà ricette e contenuti virali prodotti dai consumatori. I giovani rappresentano la nostra prima risorsa. Basti pensare che nella nostra area Digital la media di età è di 25 anni, con il 95% residente nel Sannio. I social network sono decisivi per ringiovanire il target, interagire con i consumatori e condividere i nostri valori attraverso nuovi linguaggi e strumenti innovativi, che solo i nativi digitali sanno intercettare con puntualità e creatività”.
Continua, dunque, la politica di valorizzazione dei giovani del territorio che contraddistingue gli Oleifici Mataluni. Dopo aver siglato una convenzione con il Centro per l’Impiego della provincia di Benevento per l’inserimento di 11 neodiplomati e dopo aver partecipato lo scorso 18 aprile al MeetJob 2012, selezionando uno studente del corso di laurea in Tecnologie Viticole, Enologiche, Alimentari dell'Università di Oristano per un tirocinio ad alto contenuto di specializzazione nella Divisione Ricerca e Sviluppo, gli Oleifici Mataluni hanno confermato anche l’adesione al bando promosso dalla Regione Campania sui dottorati di ricerca in azienda, che incontrano l’esigenza di ricerca del mondo accademico e la necessità di innovare e di essere maggiormente competitivi delle industrie.



Gli Oleifici Mataluni, situati a Montesarchio (Benevento), rappresentano uno tra i più importanti complessi agroindustriali oleari al mondo e si estendono su una superficie di 160mila mq. Con un fatturato di 240milioni di euro, 200 dipendenti (età media 29 anni), un Centro di ricerca riconosciuto dal MIUR e specializzato in materie olearie e packaging innovativo, si posizionano ai primi posti nello scenario distributivo domestico ed internazionale.
Gli Oleifici Mataluni raggruppano 23 marchi storici - come Olio Dante, Topazio, Olita, OiO, GiCo, Minerva, Lupi e Vero - ed in private label producono oli alimentari per aziende leader della Grande Distribuzione Organizzata italiana ed estera.

25 commenti :

  1. E io, da brava “toscana adottiva” te ne prendo e sgranocchio subito un paio :D! Baciotti, buona settimana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. fai pure :))) io da te prendo qualche fetta di buon pane ;-)

      Elimina
  2. Che bontà i cantucci.. non li ho mai fatti!!!!baci e buon lunedì .-)

    RispondiElimina
  3. Buoni questi cantucci, buona settimana !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. buona settimana anche a te cara.

      Elimina
  4. Superbes ce petits biscuits et aussi très delicieux!

    Bisous

    RispondiElimina
  5. ed io me ne sgranocchio volentieri un paio!!!!

    RispondiElimina
  6. ottimi i cantucci, anch'io toscana e mi piacciono tanto. e poi vengono bene anche senza glutine!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciaooooooooooo... pensa che mia figlia piccola ne va matta ihihihih

      Elimina
  7. Anche io non li ho mai fatti..e si che mi piacciono tanto! Rubo un paio dei tuoi ;)

    RispondiElimina
  8. che meraviglia non li ho mai fatti ma ti son venuti da urlo

    RispondiElimina
  9. Ciao, si si noi portiamo il vin santo e tu questi splendidi cantucci! ok, facciamo due bottiglie....
    un bacione e complimenti!

    RispondiElimina
  10. Che buoni questi cantucci!!!!!!!!!!!
    Baci

    RispondiElimina
  11. Che meraviglia i tuoi cantucci Betty, e lodevole l'iniziativa degli oleifici! Brava che la diffondi, una volta tanto che qualcuno nel nostro paese fa qualcosa di buono per i giovani, merita certamente diffusione!
    Ti abbraccio! Any

    RispondiElimina
  12. Buonissimiiiiiiiiiiii io li adoro!!!
    Ti sono venuti benissimo!!

    RispondiElimina
  13. Que buena pinta ¡¡me gustan!!

    Besos.

    RispondiElimina
  14. hai fatto i cantucci....ma che brava :)

    RispondiElimina
  15. MA SAI CHE NON LI HO MAI FATTI????????MI PIACE QUESTA TUA RICETTINA.......TI MANDO UN BACINO STEFY

    RispondiElimina
  16. ho scoperto che non sono difficili da fare...ero titubante...e poi sono troppo buoni, inzuppati nel vin santo...una vera delizia!
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  17. Ciao Betty, mi sono appena aggiunta tra i tuoi visitatori! :-)
    ti scrivo subito nel topic dei cantuccini essendo io una Fiorentina e mangiandone tanti. Questi sono i biscotti della mia tradizione, sono semplici ma veramente tanto gustosi. il vin santo poi è la loro morte!!!! sono un ottimo dessert dopo ogni tipo di pasto!!! :-)
    bella ricetta, ti auguro un buon primo maggio. federica

    RispondiElimina
  18. Prima o poi li faccio, ciao e buona giornata!

    RispondiElimina

Grazie per il vostro commento.
Se hai un dubbio, un quesito e attendi una risposta... "Iscriviti per email"